Personaggi e testimonianze polacche in Italia: da Stanislao Poniatowski ai giorni nostri. Conferenza al MNAI


Sabato 28 ottobre, alle 16, presso il Museo della Navigazione nelle Acque Interne – MNAI, si svolgerà la conferenza dal titolo ‘Personaggi e testimonianze polacche in Italia: da Stanislao Poniatowski ai giorni nostri’.

I primi contatti tra le genti italiche e i popoli stanziatisi sulle rive del Mar Baltico si fanno risalire al II millennio a.C., quando l’ambra del baltico dall’Europa del Nord, attraversando il Po, arrivava fino alle lontane terre dell’Italia meridionale.

La prima citazione storica di una numerosa comunità polacca in Italia la troviamo nella richiesta che il Cardinale Osio avanzò a Papa Gregorio XIII di donare l’attuale Chiesa di San Stanislao dei polacchi alla comunità di pellegrini che giungevano nella Città Eterna.

In seguito, numerosi polacchi si trasferirono in Italia durante il Rinascimento e l’Illuminismo, quando la Penisola divenne meta degli imprescindibili viaggi culturali e formativi dei giovani rampolli dell’aristocrazia e della ricca borghesia europea.

Stanisław_Poniatowski_(1754–1833)
Stanislao Poniatowski

Tra di essi si annovera anche il principe Stanislao Poniatowski, nipote dell’ultimo Re di Polonia e Granduca di Lituania, il quale nel 1808 acquistò la castellanìa di Capodimonte, comprendente anche Marta e l’Isola Bisentina sul Lago di Bolsena. Testimonianza del suo passaggio è dato dal grandioso palazzo, ancora oggi esistente, che svetta imperioso a Capodimonte.

Prendendo spunto dalla figura e dall’opera del Principe, l’incontro mira a tratteggiare gli stretti legami che in particolare nel corso degli ultimi due secoli i polacchi hanno avuto con l’Italia e le testimonianze da loro lasciate nel Belpaese; forse, come il Palazzo Poniatowski di Capodimonte, non così bene conosciute come meriterebbero.

Palazzo Poniatowski
Palazzo Poniatowski

Parteciperanno alla conferenza Marta Zielińska – Śliwka, incaricato d’Affari a. i., Ambasciata di Polonia in Italia; don Dante Villanueva Daylusan, parroco di Sant’Andrea in Viterbo, già parroco di Capodimonte, Prof.ssa Felicita Menghini, storica, Agnieszka Bender, direttore dell’Istituto Polacco di Cultura in Roma. Moderatore: Costantino Moretti, analista internazionale.

La conferenza è patrocinata dall’Ambasciata Polacca di Roma e dal Comune di Capodimonte, in collaborazione con l’Istituto Polacco di Roma e la Parrocchia di S.Maria Assunta di Capodimonte.

Per informazioni: museo.capodimonte@gmail.com, tel. 0761.870043.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...