Giornate europee del Patrimonio al MNAI


6734-800x445

Nel fine setimana, presso il Museo della Navigazione delle Acque Interne (MNAI) si svolgeranno le Giornate Europee del Patrimonio, indette, come ogni anno, dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo: sabato 23 settembre, alle 17.30, avrà luogo la proiezione del documentario di Ebe Giovannini e Maurizio Pellegrini, “Demetra. Il mito, la leggenda, le tradizioni”. Il documentario prende spunto dal rinvenimento, tra maggio e giugno 2006, a Vetralla (Vt), in loc. “Macchia delle Valli”, di un santuario etrusco-romano dedicato a Demetra. Dalle antiche tradizioni collegate alla fecondità della terra che affondano le radici già nel Paleolitico, si descrivono le usanze più recenti il cui carattere propiziatorio è chiaramente retaggio degli antichi culti.
Domenica 24 settembre, alle 17.30, sarà proposto un omaggio al grande maestro Claudio Abbado. Il musicologo Prof. Alberto Pélissier introdurrà e commentera’ il concerto svoltosi presso il Waldbühne di Berlino, nel 1996. La Berliner Philharmoniker suona ‘Nabucco (Overture – Coro degli schiavi ebrei)’, ‘Don Carlo (E lui… O mio Rodrigo)’, ‘Il Trovatore (Vedi! Le fosche notturne spoglie)’, ‘La forza del destino (Overture)’, ‘Un ballo in maschera (Forse la soglia attinse)’, ‘Otello (Fuoco di gioia/Vanne, la tua meta già vedo/Già nella notte densa)’, ‘Aida (Marcia trionfale: Gloria all’Egitto)’, ‘I vesperi siciliani (Overture)’ di Verdi; ‘I Capuleti ed i Montecchi (Eccomi in lieta vesta)’ di Bellini; ‘Guglielmo Tell (Overture)’, ‘Il barbiere di Siviglia (Overture)’ di Rossini; ‘Berliner Luft’ di Lincke.
L’ingresso a tutte le iniziative è libero e gratuito. Per informazioni: museo.capodimonte@gmail.com; cell. 3391364151.

Annunci

Torna il teatro danza al Museo della Navigazione


Riprendono gli appuntamenti dedicati alla grande danza contemporanea, curati dal musicologo Prof. Alberto Pélissier: sabato 16 settembre, alle ore 17.30, sarà proiettato il film “Dancing Dreams. Sui passi di Pina Bausch”.

Pina Bausch, una delle più grandi coreografe e ballerine mai esistite, è scomparsa nel 2009, a 68 anni, per un male incurabile diagnosticato solo cinque giorni prima.

Era nata in Germania il 27 luglio 1940, dopo il diploma si trasferì alla Juilliard School of Music di New York, dove iniziò a danzare con il New American Ballet. Diventata coreografa, nel 1973 fondò a Wuppertal il Tanztheater Wuppertal Pina Bausch.

Pina-Bausch_2
Pina Bausch

Con il suo gruppo di danzatori-attori ottenne fin da subito un successo straordinario, mettendo in scena spettacoli indimenticabili e difficilmente classificabili come semplici “balletti”. Dietro questi spettacoli c’era sempre un faticoso lavoro di ricerca e preparazione e un processo creativo che partiva dalle domande di Pina Bausch ai suoi “danzattori”, i quali dovevano trasformare le loro risposte, attraverso l’improvvisazione, in parole, movimenti, azioni.

La Bausch ha ricevuto decine di riconoscimenti nell’arco della sua carriera e ha avuto stretti rapporti anche con il cinema: Federico Fellini, nel 1983, la scelse per interpretare una principessa non vedente nel suo film “E la nave va”; Pedro Almodovar utilizzò due sequenze tratte da due sue famose coreografie (Café Muller e Masurca Fogo) per aprire e chiudere il film “Parla con lei”; e infine Wim Wenders, che quando vide per la prima volta un suo spettacolo – nel 1985, alla Biennale di Venezia – rimase così colpito da cancellare i suoi impegni per assistere a tutte le altre performance della coreografa tedesca, di cui poi diventò grande amico. Wenders nel 2011 le ha dedicato il film-documentario in 3D, “Pina”.

Nel 2007 ottenne il Leone d’Oro alla Carriera, consegnatole con questa motivazione: “Pina Bausch è un’artista che ha segnato una nuova via originale all’espressione scenica del corpo danzante e parlante, influenzando non soltanto la danza contemporanea, ma anche le arti ad essa contigue, mutandone gli orizzonti. La Bausch è una coreografa che ha innovato il teatro, rendendolo più che mai fisico e musicandone la drammaturgia.”

La proiezione che avrà luogo sabato, alle 17.30, presso il Museo della navigazione nelle acque interne di Capodimonte, si basa su un esperimento di teatro danza realizzato nel 2008. Pina Bausch selezionò 40 teenager che non sapevano nulla né di lei né di danza, per farli partecipare alla messinscena della sua celebre performance “Kontakthof”. In 10 mesi e fino alla sera della prima, i giovani danzatori hanno potuto scoprire il genio di Pina Bausch attraverso i loro stessi corpi. Questo film è la testimonianza del lavoro rivoluzionario della grande coreografa.

L’ingresso alla proiezione è libero. Per informazioni: musocapodimonte@gmail.com oppure 3391364151.

Dancing Dreams.png

Scopri Capodimonte: i tour e le visite guidate di settembre


01010_Capodimonte,_Province_of_Viterbo,_Italy_-_panoramio

A settembre continuano le escursioni proposte dal Comune di Capodimonte (VT) e dal Museo della Navigazione nelle Acque Interne. Dopo il successo dei tour proposti ad agosto, riprenderemo a settembre con il seguente programma:

sabato 2 settembre, “Il borgo e i suoi amori”. Escursione guidata nel borgo di Capodimonte per conoscerne le grandi famiglie e gli amori segreti che qui sono stati consumati. Visita esclusiva delle parti esterne della Rocca Farnese. Visita guida al Museo della Navigazione di Capodimonte con il suo eccezionale reperto dell’età del bronzo: la piroga rinvenuta nel 1989 nei fondali del lago di Bolsena.

Domenica 3 settembre, proporremo nuovamente l’escursione “L’antica città etrusca di Bisenzio”. Gli escursionisti saranno accompagnati sul promontorio di Bisenzio dove, tra antichi resti ancora visibili, conosceremo l’antica città etrusca di Visentium. La proposta turistica include la visita al Museo della Navigazione di Capodimonte.

Martedì 5 settembre è la volta di “Il lago e i suoi misteri”, escursione guidata in battello alla scoperta dei relitti sommersi nelle acque del del lago. Sosta per il bagno presso l’Isola Bisentina. La proposta turistica include la visita al Museo della Navigazione di Capodimonte.

Mercoledì 6 settembre ripeteremo l’escursione “L’antica città etrusca di Bisenzio” già proposta Domenica 3 settembre.

Per le prenotazioni è possibile contattare direttamente la guida turistica autorizzata dalla Regione Lazio, Dott.ssa Vera Risi, al numero 3280758968.

Appuntamento e partenza dal Museo della Navigazione, lungolago di Capodimonte, all’orario indicato.

IL LAGO E I SUOI MISTERI


ESCURSIONE GUIDATA IN BATTELLO SUL LAGO DI BOLSENA

Non perdete l’escursione di domani, martedì 22 agosto, ancora posti disponibili! Vi aspettiamo per un’affascinante escursione guidata in battello alla scoperta dei relitti sommersi nelle acque del lago, con sosta per il bagno presso l’isola Bisentina. E a seguire visita guidata al museo di Capodimonte alla scoperta della misteriosa piroga ritrovata sui fondali. Scoprirete storie antiche e recenti di grande suggestione, come quella del bombardiere americano precipitato nel lago durante la guerra.
Prenotate subito al numero 328 0758968.

Appuntamento alle 17.15 davanti al Museo della Navigazione. Imbarco alle 17.30.

Costo escursione (incluso imbarco) € 14,50.

L’ANTICA CITTA’ ETRUSCA DI BISENZIO


Escursione guidata, domenica 20 agosto

Monte Bisenzio

Il Comune di Capodimonte e il Museo della Navigazione nelle Acque interne presentano “L’ANTICA CITTA’ ETRUSCA DI BISENZIO”: domenica 20 agosto, alle ore 18.00, escursione guidata al promontorio di Bisenzio dove, tra gli antichi resti ancora visibili, conosceremo l’antica città etrusca di Visentium e i suoi sviluppi in epoca romana e medievale. L’escursione include la visita del Museo della Navigazione dove sarà possibile ammirare l’eccezionale reperto esposto: la piroga dell’età del bronzo.

Prenotazioni al numero 3280758968, non oltre le ore 18 di sabato 19 agosto. Posti limitati.

 

L’escursione di domenica 20 agosto fa parte di un programma di visite guidate nel borgo di Capodimonte e nel suo territorio per conoscerne e apprezzarne la storia, la cultura, le tradizioni e il suo ricco patrimonio archeologico.

 

Altre escursioni in programma:

 

Martedì 22 agosto, “Il lago e i suoi misteri”, costo 14,50 euro, comprensivo di gita in battello.

Mercoledì 23 agosto, “Il borgo e i suoi amori”, costo 8,50 euro.

Giovedì 24 agosto, “Le misteriose tombe di Fosso Spinetto”, costo 18 euro, comprensivo di apericena.

Sabato 2 settembre, “Il borgo e i suoi amori”, costo 8,50 euro.

Domenica 3 settembre, “L’antica città etrusca di Bisenzio”, costo 6,50 euro.

Martedì 5 settembre, “Il lago e i suoi misteri”, costo 14,50 euro, comprensivo di gita in battello.

Mercoledì 6 settembre, “L’antica città etrusca di Bisenzio”, costo 6,50 euro.

 

 

CAPODIMONTE, IL BORGO E I SUOI AMORI


C’è ancora tempo per iscriversi all’escursione di domani giovedi 17 agosto per la visita del borgo di Capodimonte e la Rocca Farnese. L’escursione costa € 8,50 a persona e include l’ingresso alla Rocca Farnese e l’ingresso al Museo di Capodimonte. Una visita divertente, intrigante, affascinante, che vi farà scoprire aspetti inediti del piccolo borgo. Un luogo che fu teatro delle più intrecciate vicende politiche e sentimentali di tutta Europa. Per prenotazioni 328 0758968.

Un omaggio pittorico a Capodimonte


“La luce sul lago”, mostra delle opere pittoriche di Laura Grosso e Anthony Lombardi in omaggio a Capodimonte.

Dal 3 al 6 agosto, presso le Scuderie farnesiane (Cascina) di Capodimonte (a pochi passi dal Museo della Navigazione, lungolago) si svolgerà l’esposizione delle opere di Laura Grosso e Anthony Lombardi, due pittori con una lunga storia di condivisione della Pittura, oltre che della vita.

In questa mostra nei bei locali delle Scuderie farnesiane, i due artisti espongono una serie di opere, risultato della loro permanenza estiva nella bella cittadina.

La maggior parte di esse sono realizzate ‘en plein air’ e dunque particolarmente legate al luogo in cui sono state dipinte, con tecniche varie: acrilico, olio, acquarello e pastello.

Questa mostra vuole essere un omaggio alla incantevole cittadina di Capodimonte e alle meraviglie del lago di Bolsena.

Il dipingere en plein air consente di abbandonarsi alla pittura come una forma di meditazione profonda, particolarmente se il soggetto è collocato al di fuori della città e si è immersi nel silenzio. In questa situazione la natura stessa offre una quiete che va di pari passo con le grazie ricevute dall’occhio.

Il formato medio-piccolo dei supporti e la tecnica rapida, sono due espedienti per completare l’opera in poche ore, adottati a questo scopo e non come maniera.

La fretta dipende infatti, esclusivamente, dalla rapidità delle mutazioni luminose sulla natura, serve a restituire sulla tela le sensazioni e le percezioni visive che il vero, osservato all’aria aperta, comunica nelle diverse ore del giorno e in particolari condizioni di luce.

Il soggetto diviene interessante per la luce che lo illumina, è solo un pretesto per osservare la luce. La luce ne rileva linee, contrasti tonali, tinte e ciò diviene la materia della pittura.

In realtà l’unico soggetto della pittura en plein air è la luce.

The exhibition of the painters Laura Grosso and Anthony Lombardi will take place from the 3rd until the 6th of august in Capodimonte, Scuderie farnesiane.

Laura Grosso and Anthony Lombardi are two painters with a long history of sharing their lives as well as painting.

In this exhibition in the beautiful spaces of the Scuderie farnesiane (Cascina), the two painters exhibit a series of works which is the result of their summer stay in the beautiful town.

Most of them are made of ‘en plein air’ and therefore particularly linked to the place where they were painted; executed in various techniques: acrylic, oil, watercolor and pastel.

This exhibition is a homage to the charming town of Capodimonte and the wonders of Lake Bolsena.

 

En plein air painting allows a person to abandon themselves through painting as a form of deep meditation, especially if the subject of the painting happens to be outside the city and immersed in silence. In this situation nature itself offers a tranquility that goes hand in hand with the graces received from the eye.

The medium-small size of the canvas and a quick technique are two requirements used to complete the work  of art in just a few hours. These elements are adopted for this purpose and not to achieve a certain ‘style’.

The limitation of time depends, in fact, on the rapidity of the light mutations on nature, and is required in order to give the painting the sensations and visual perceptions that are similar to the truth, observed in the open air at the same time conveying the different times of the day and in particular the conditions of light.

The subject of the painting becomes interesting for the light that illuminates it. This is merely an excuse to look at the light. The light generates lines, tonal contrasts, tints, and this becomes the real subject of the painting.

In fact, the only subject of en plein air painting is the light.

 

“La luce sul lago”, opere di Laura Grosso e Anthony Lombardo

in mostra presso le Scuderie farnesiane dal 3 al 6 agosto, dalle 18 alle 22

Per informazioni: direzione del Museo della Navigazione nelle Acque Interne, museo.capodimonte@gmail.com, 339-1364151.

MusicAlMuseo, speciale estate


Lunedi 31 luglio, alle 18,  torna MusicAlMuseo, l’opera in musica vista da vicino. Presentazione e note storiche a cura di Maria Morena Lepri.

Presenteremo “Il Trittico”, musica di Giacomo Puccini (1858-1924) che comprende:

IL TABARRO

Libretto di Giuseppe Adami

SUOR ANGELICA

Libretto di Giovacchino Forzano

GIANNI SCHICCHI

Libretto di Giovacchino Forzano

Inizieremo il 31 luglio, alle 18, presso il Museo della Navigazione, con Gianni Schicchi, Ultimo Canto dell’Opera Buffa.

In seguito affronteremo le altre due di carattere drammatico.

GIANNI SCHICCI ; ROH,